Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

martedì 25, settembre 2018

Torna in su

Cima

2 commenti

800 morti sulle strade: ecco come la Direttiva Minniti vuole contrastare il fenomeno degli incidenti

800 morti sulle strade: ecco come la Direttiva Minniti vuole contrastare il fenomeno degli incidenti

| il 24, lug 2017

Il Ministro dell’Interno ha emanato una direttiva per prevenire e contrastare tutti quei comportamenti – dall’uso del telefonino alla guida in stato di ebbrezza, fino al mancato utilizzo delle cinture di sicurezza – che sono spesso causa di incidenti stradali. Ecco cosa prevede il documento ministeriale

Più di 800 morti dall’inizio dell’anno, un aumento costante che ha fatto di questi primi sei mesi e mezzo del 2017 il periodo peggiore dal 2001, più di 3.000 sanzioni in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso per l’uso del cellulare alla guida. Ecco allora che il ministro dell’Interno Marco Minniti corre ai ripari contro quello che lo stesso Dipartimento di Pubblica Sicurezza definisce un segnale allarmante, con una Direttiva emanata il 21 luglio che punta a favorire l’impiego diffuso della tecnologia non solo a fini sanzionatori ma, appunto, con l’obiettivo di ridurre drasticamente gli incidenti stradali. Si va dal costante monitoraggio da parte dei prefetti sulla collocazione dei sistemi di rivelazione della velocità, affinché servano esclusivamente ad esigenze di sicurezza stradale, alla verifica annuale delle apparecchiature. Secondo i dati del Viminale, in un contesto di riduzione complessiva delle sanzioni (-10,5%, con una punta del -26,8% per quelle relative a eccesso di velocità) le multe per l’uso del cellulare al volante sono aumentate del 15,1%, passando dalle 23.011 dei primi sei mesi del 2016 alle attuali 26.948.

Il numero complessivo degli incidenti stradali risulta in calo del 3,5% rispetto all’anno scorso (39.049 contro 40.466, al 16 luglio), ma sulle strade del nostro Paese la mortalità è aumentata, raggiungendo livelli che non venivano toccati dal 2001: nei primi sei mesi di quest’anno si sono registrate 800 vittime, contro le 745 della prima metà del 2016 (+7,4%).

Il documento ministeriale comprende nei suoi allegati un disciplinare tecnico aggiornato in base al quale i prefetti, competenti per l’attuazione della direttiva, dovranno intraprendere una serie di nuove misure.

Le novità comprendono:

Il costante monitoraggio sulla collocazione dei sistemi di rilevazione della velocità affinché risultino motivati esclusivamente da condivise esigenze di sicurezza stradale; La riclassificazione e più efficiente definizione dei sistemi di rilevamento della velocità in tre grandi categorie: fissi (es. il Tutor e il Vergilius), temporanei (l’autovelox) e mobili (apparecchiatura utilizzata da un veicolo in movimento); La taratura e verifica della funzionalità delle apparecchiature, che avverrà con cadenza annuale, come peraltro stabilito dalla Corte Costituzionale con la sentenza n. 113 del 29 aprile 2015; Una precisa delimitazione delle attività di assistenza tecnica dei soggetti privati, che non devono mai interferire con quella dell’organo di polizia e comunque devono essere svolte sotto il controllo di quest’ultimo; Le spese di accertamento gravanti sul trasgressore, che dovranno essere ben circostanziate e documentate; La possibilità di effettuare riprese frontali con dispositivi da remoto purché si proceda all’oscuramento automatico dell’abitacolo e quindi al non riconoscimento delle persone a bordo del veicolo; Regole più puntuali, utilizzando apposito cartello, per presegnalare e rendere visibili le postazioni di controllo della velocità, che potranno funzionare anche su entrambi i sensi di marcia.

 

 

2 Comments on 800 morti sulle strade: ecco come la Direttiva Minniti vuole contrastare il fenomeno degli incidenti

Autgusto said : Guest Jul 26, 2017 at 2:01 PM

Spett. ACI ufficio stampa stavo appunto leggendo che Minniti e in ministro dei trasporti interviengono sulla morte di 800 persone sulle strade ,ma come si interviene con altri autovelox? che ti fanno una multa se oltrepassi il limite di velocità di 5 o 10 km ? poi dopo 89 giorni ti arriva la multa? e ne frattempo puoi avere fatto altre infrazioni di questo genere pensado che forse se si supera di 5,6, o 10 km non succede nulla, invece succede che questa solerte precauzione non fa altro che rimpinguire le casse dei comuni: Io credo che se tutti i parenti delle vittime chiedessero i danni al ministero dei trasporti ,ai ministri che non sanno fare le leggi,qualcosa combierebbe sentendosi responsabili di queste morti. La mia proposta sarebbe quella di rimettere sulle strade le pattuglie della stradale,con le moto (come il nostro ALBERTONE ),o auto civetta che fermano chi conduce una guida pericolosa sorpassi con doppia linea bianca o continua,non c'è personale togliamolo alle scorte di questi personaggi che ormai pensano solo ad arricchirsi. Ma se proprio volessero usare i mezzi tecnologici usassero videocamere per fare i suddetti controlli,e telecamere anche ai passaggi pedonali,negli altri paesi si usa fermarsi ai passaggi pedonali anche se non c'è nessun pedone come fosse un incrocio di strade,ai stop piu pericolosi,insomme questa sarebbe la prevenzione non autovelox ,l'automobilista informato e responsabilizzato sa come regolare la sua velocità,no che mi metti 30 km perche ci sono le buche o le radici, Ci sarebbero molte altre cose che si potrebbero fare e non pensare solo ai propri interessi,credo che se qulcuno comincia a denunciare la mancata prevenzione si avranno dei risultati,ma fini a quando si pensa solo alle punizioni inutili i morti aumenteranno. spero di non avervi annoiato e di assermi spiegato.

Augusto said : Guest Jul 26, 2017 at 2:00 PM

Spett. ACI ufficio stampa stavo appunto leggendo che Minniti e in ministro dei trasporti interviengono sulla morte di 800 persone sulle strade ,ma come si interviene con altri autovelox? che ti fanno una multa se oltrepassi il limite di velocità di 5 o 10 km ? poi dopo 89 giorni ti arriva la multa? e ne frattempo puoi avere fatto altre infrazioni di questo genere pensado che forse se si supera di 5,6, o 10 km non succede nulla, invece succede che questa solerte precauzione non fa altro che rimpinguire le casse dei comuni: Io credo che se tutti i parenti delle vittime chiedessero i danni al ministero dei trasporti ,ai ministri che non sanno fare le leggi,qualcosa combierebbe sentendosi responsabili di queste morti. La mia proposta sarebbe quella di rimettere sulle strade le pattuglie della stradale,con le moto (come il nostro ALBERTONE ),o auto civetta che fermano chi conduce una guida pericolosa sorpassi con doppia linea bianca o continua,non c'è personale togliamolo alle scorte di questi personaggi che ormai pensano solo ad arricchirsi. Ma se proprio volessero usare i mezzi tecnologici usassero videocamere per fare i suddetti controlli,e telecamere anche ai passaggi pedonali,negli altri paesi si usa fermarsi ai passaggi pedonali anche se non c'è nessun pedone come fosse un incrocio di strade,ai stop piu pericolosi,insomme questa sarebbe la prevenzione non autovelox ,l'automobilista informato e responsabilizzato sa come regolare la sua velocità,no che mi metti 30 km perche ci sono le buche o le radici, Ci sarebbero molte altre cose che si potrebbero fare e non pensare solo ai propri interessi,credo che se qulcuno comincia a denunciare la mancata prevenzione si avranno dei risultati,ma fini a quando si pensa solo alle punizioni inutili i morti aumenteranno. spero di non avervi annoiato e di assermi spiegato.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Inserisci il tuo nome.

Inserisci la tua mail.

Inserisci il commento.

Loading ...