Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

lunedì 25, settembre 2017

Torna in su

Cima

3 commenti

Bollo auto storiche, ultimo atto?

Bollo auto storiche, ultimo atto?

| il 07, apr 2015

Il Ministero dell’Economia limita il raggio d’azione degli enti locali, e stabilisce in sostanza, per quali modelli si dovrà pagare l’imposta di bollo sulle auto storiche o d’epoca come sono chiamate.

E’ tutto scritto nell’ultima risoluzione del ministero dell’Economia, la 4/DF dello scorso primo aprile: un atto giustificato dalla grande confusione che si è venuta a creare dopo la decisione da parte del governo di imporre il pagamento della tassa, rimettendo alle singole regioni i provvedimenti attuativi sulle specifiche e i criteri di attribuzione delle norme.

Era la legge 190 del 2014 ad abrogare i commi 2 e 3 dell’articolo 63, legge 342/2000, che stabiliva come l’esenzione del pagamento delle auto storiche fosse a decorrere dal compimento del ventesimo anno di età di un’autovettura dal momento dell’immatricolazione.

Con la nuova pronuncia del Mef la questione dovrebbe essere chiusa in maniera definitiva, sempre che non intervenga nel prossimo futuro qualche organo di gerarchia istituzionale ancora superiore a bloccare tutto ancora una volta. La Corte costituzionale ha dichiarato in più occasioni che il tributo non vada inteso come regionale, e in aggiunta, la disciplina fiscale si riconduce essenzialmente alla potestà legislativa dello Stato. Da ultimo, chiarisce il ministero,le tasse in materia automobilistica sono da collegare ai tributi propri derivati, cioè per i quali le regioni hanno solo facoltà di riscossione. Ne consegue, insomma, che le regioni non hanno il potere di affossare quanto definito a livello centrale, né modificare le aliquote e né, da ultimo, introdurre esenzioni o agevolazioni alla materia tributaria in oggetto.

3 Comments on Bollo auto storiche, ultimo atto?

Stefano said : Guest Sep 01, 2017 at 10:13 AM

Finchè siamo governati da quesri politici che non hanno una minima idea di cosa sia un auto storica non andiamo da nessuna parte. La mia esperienza di appassionato che ha girato molto l'europa mi porta a ribadire, che moltissime belle auto ventennali come lancia thena 8.32 ferrari, lancia delta, bmw m3 E 36, M5, maserati e potrei andare avanti..., sono ora all'estero dove stanno nascendo centri officine e forza lavorativa con tutto l'indotto che ne consegue ovviamente togliendo all'italia. I politi hanno fatto esattamente l'opposto di quello dovevano fare o meglio se non facevano niente non facevano danni. Era solo sufficiente fare un data base raccogliesse solo le auto di futuro interesse storico che se accompagnate da un certificato di storicità potevano usufruire delle agevolazioni. Ecco cosi si sarebbero salvate solo le auto con futuro interesse storico, utilizzate ovviamente per raduni e ritrovi. Poi c'è anche chi dice che queste auto vengono usate tutti i gg....??? Sfido chiunque a viaggiare con un lancia 8.32, bmw m5, ecc. con consumi elevatissimi per non parlare dei costi di gestione. Guardatevi in torno e quante ne vedete in giro?? Forse una al mese??

stefano said : Guest Sep 01, 2017 at 10:07 AM

Finchè siamo governati da quesri politici che non hanno una minima idea di cosa sia un auto storica non andiamo da nessuna parte. La mia esperienza di appassionato che ha girato molto l'europa mi porta a ribadire, che moltissime belle auto ventennali come lancia thena 8.32 ferrari, lancia delta, bmw m3 E 36, M5, maserati e potrei andare avanti..., sono ora all'estero dove stanno nascendo centri officine e forza lavorativa con tutto l'indotto che ne consegue ovviamente togliendo all'italia. I politi hanno fatto esattamente l'opposto di quello dovevano fare o meglio se non facevano niente non facevano danni. Era solo sufficiente fare un data base raccogliesse solo le auto di futuro interesse storico che se accompagnate da un certificato di storicità potevano usufruire delle agevolazioni. Ecco cosi si sarebbero salvate solo le auto con futuro interesse storico, utilizzate ovviamente per raduni e ritrovi. Poi c'è anche chi dice che queste auto vengono usate tutti i gg....??? Sfido chiunque a viaggiare con un lancia 8.32, bmw m5, ecc. con consumi elevatissimi per non parlare dei costi di gestione. Guardatevi in torno e quante ne vedete in giro?? Forse una al mese??

Andrea said : Guest Sep 01, 2017 at 10:06 AM

Finchè siamo governati da quesri politici che non hanno una minima idea di cosa sia un auto storica non andiamo da nessuna parte. La mia esperienza di appassionato che ha girato molto l'europa mi porta a ribadire, che moltissime belle auto ventennali come lancia thena 8.32 ferrari, lancia delta, bmw m3 E 36, M5, maserati e potrei andare avanti..., sono ora all'estero dove stanno nascendo centri officine e forza lavorativa con tutto l'indotto che ne consegue ovviamente togliendo all'italia. I politi hanno fatto esattamente l'opposto di quello dovevano fare o meglio se non facevano niente non facevano danni. Era solo sufficiente fare un data base raccogliesse solo le auto di futuro interesse storico che se accompagnate da un certificato di storicità potevano usufruire delle agevolazioni. Ecco cosi si sarebbero salvate solo le auto con futuro interesse storico, utilizzate ovviamente per raduni e ritrovi. Poi c'è anche chi dice che queste auto vengono usate tutti i gg....??? Sfido chiunque a viaggiare con un lancia 8.32, bmw m5, ecc. con consumi elevatissimi per non parlare dei costi di gestione. Guardatevi in torno e quante ne vedete in giro?? Forse una al mese ??

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Inserisci il tuo nome.

Inserisci la tua mail.

Inserisci il commento.

Loading ...