Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

sabato 18, novembre 2017

Torna in su

Cima

Nessun commento

eCall: obbligatoria dal 2018

eCall: obbligatoria dal 2018

| il 26, ott 2017

Secondo l’Ue contribuirà a ridurre il numero di morti e feriti in incidenti stradali nell’Unione perché, recita un comunicato, i tempi di intervento nel dovrebbero risultare dimezzati. Il suo utilizzo sarà accessibile gratuitamente a tutti i consumatori.

Il sistema di emergenza eCall sarà obbligatorio su tutte le nuove auto commercializzate nell’Unione Europea dal 31 marzo 2018. Ogni nuova vettura, quindi, avrà il suo chip e la sua Sim che, in caso di incidente chiameranno automaticamente il numero unico di emergenza europeo 112, inviando i dati sul veicolo e sulla posizione esatta. Il sistema eCall è in grado di inviare automaticamente un segnale di soccorso al numero di emergenza unificato 112. Secondo l’Ue contribuirà a ridurre il numero di morti e feriti in incidenti stradali nell’Unione, infatti, a fronte di un costo complessivo di circa 100 euro per singola auto, i tempi di intervento diminuiranno del 40% in città e del 50% nelle aree extraurbane; cioè vorrebbe dire che si potrebbero salvare almeno 2.500 dei 28.000 morti causati ogni anno da incidenti stradali. Il suo utilizzo sarà accessibile gratuitamente a tutti i consumatori. I proprietari dei veicoli saranno ancora in grado di accedere a servizi di terzi in aggiunta al sistema eCall basato sul 112. Sarà inoltre possibile attivare il numero di emergenza 112 manualmente, e il sistema di controllo manuale sarà installato in modo da impedire che sia attivato per errore. I dispositivi eCall saranno compatibili con i sistemi di navigazione satellitare Galileo e Egnos, ma i fabbricanti dovranno essere in grado di garantire la compatibilità anche con altri sistemi di navigazione.

I veicoli non saranno soggetti a controlli costanti ed i dati sulle precedenti posizioni del veicolo saranno regolarmente cancellati. I dati non saranno comunicati a terzi senza il consenso del proprietario del veicolo. Norme tecniche dettagliate consentiranno di evitare lo scambio di dati personali tra il sistema di bordo eCall e i sistemi di terzi. Ciò significa che sarà garantito il diritto alla privacy e alla protezione dei dati. La posizione del Consiglio fa seguito a un accordo raggiunto con il Parlamento europeo lo scorso dicembre. Il Parlamento dovrebbe confermare la posizione del Consiglio senza emendamenti in una votazione in seconda lettura in sessione plenaria prima dell’estate.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Inserisci il tuo nome.

Inserisci la tua mail.

Inserisci il commento.

Loading ...