Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

venerdì 24, novembre 2017

Torna in su

Cima

Nessun commento

Eletto il Presidente Fiab: “Città più sicura per ciclisti e automobilisti”

Eletto il Presidente Fiab: “Città più sicura per ciclisti e automobilisti”

| il 03, mag 2017

“Dedico la mia nuova elezione a tutte le vittime della strada, pedoni, ciclisti e automobilisti, partendo dal grande campione Michele Scarponi”, ha detto il Presidente Pagliaccio.

Dal 28 al 30 aprile si è tenuta a Monza l’Assemblea Nazionale della Fiab, Federazione Italiana Amici della Bicicletta, durante la quale è stato eletto il nuovo Presidente. È stata riconfermata, per la terza volta, Giulietta Pagliaccio, il cui discorso si è concentrato sulla sicurezza stradale e, in particolare, dei ciclisti. “Dedico la mia nuova elezione a tutte le vittime della strada, pedoni, ciclisti e automobilisti, partendo dal grande campione Michele Scarponi”, ha detto il Presidente Pagliaccio. “Se la città è più sicura per i ciclisti, lo è anche per gli automobilisti e per gli altri utenti della strada”. Secondo il Presidente, “i numeri relativi agli incidenti e ai morti sulle strade d’Italia ci dicono che esiste un problema enorme, un vero dramma. Tutti devono sentirsi chiamati a fare la loro parte e impegnati ad affrontare il tema della sicurezza stradale mettendo al centro del proprio agire la “persona” e non il mezzo che sta usando in quel momento”.

Nel corso dell’Assemblea è stata approvata anche la Dichiarazione di Monza sulla Sicurezza Stradale: il documento si pone come obiettivo di proporre alle istituzioni la sicurezza stradale come valore fondante e primario di ogni intervento sul traffico e sulla viabilità. Inoltre, la Fiab assegnerà, grazie all’iniziativa ComuniCiclabili, un punteggio da 1 a 5 ai Comuni italiani, a seconda delle politiche “bike-friendly” adottate (bike to work, bike to school).

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Inserisci il tuo nome.

Inserisci la tua mail.

Inserisci il commento.

Loading ...