Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

domenica 9, dicembre 2018

Torna in su

Cima

Nessun commento

Meeting EFA a Roma

Meeting EFA a Roma

| il 15, mag 2014

A Roma si è appena conclusa la prima delle due giornate del Meeting EFA “Driver Training for Life” per la formazione periodica dei conducenti.

Presenti più di 30 Delegati, a rappresentare 21 Paesi associati. Il filo conduttore dell’evento è la formazione periodica per i conducenti. Apre le danze Ivana Inella de La Nuova Guida spiegando i successi ottenuti dal giovane Consorzio negli ultimi due anni. Molto interesse tra i partecipanti.

Continua il Professor Luca Persia dell’Università “La Sapienza” di Roma, con la parziale analisi dei dati su un progetto di ricerca in corso, che vede protagonisti i Centri di Guida Sicura. Il Professore spiega la matrice didattica impiegata, e illustra gli obiettivi perseguibili con una mirata formazione periodica. Risulta a tutti sempre più evidente che una formazione di qualità possa essere raggiunta passando attraverso il mondo universitario, le sue eccellenze, nonché le vedute, sicuramente di più ampio respiro internazionale.

“È anacronistico, e fuorviante, pensare che l’unità di misura della qualità nella formazione risieda nel numero di allievi promossi che produca un’autoscuola.”

 

Per avere qualche possibilità di crescere, la formazione alla guida va prima analizzata, poi monitorata e successivamente valutata. È anacronistico, e fuorviante, pensare che l’unità di misura della qualità nella formazione risieda nel numero di allievi promossi che produca un’autoscuola. L’intervento più atteso è quello dell’Ingegner Sergio Dondolini, in rappresentanza della Direzione Generale di Sicurezza Stradale del Ministero dei Trasporti. Il Direttore, che cordialmente ha accettato l’invito di UNASCA, mostra fieramente i risultati ottenuti secondo quanto previsto dagli obiettivi fissati negli Orientamenti 2001-2010 della Commissione Europea. L’Italia ha sfiorato di poco il target previsto, la riduzione del 50% della mortalità sulle strade, ma l’intenzione è quella di riuscirci nell’attuale decade.

Il Piano Nazionale di Sicurezza Stradale, ormai in dirittura d’arrivo, è molto ricco di dati interessanti, spunti ed esempi utili di buone pratiche per migliorare la sicurezza sulle nostre strade. A catalizzare l’attenzione dei partecipanti è stata la capacità del Direttore di mostrare l’impegno e la volontà delle Istituzioni nel voler perseguire un obiettivo comune.

Nelle foto: un momento in sala; l’Ingegner Sergio Dondolini, in rappresentanza della Direzione Generale di Sicurezza Stradale del Ministero dei Trasporti e nell’ultima, il professor Luca Persia dell’Università “La Sapienza” di Roma.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Inserisci il tuo nome.

Inserisci la tua mail.

Inserisci il commento.

Loading ...