Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

lunedì 10, dicembre 2018

Torna in su

Cima

Nessun commento

Giovani Conducenti: il progetto arrivato anche a Palermo

Giovani Conducenti: il progetto arrivato anche a Palermo

| il 22, mag 2017

Si è tenuto a Palermo un Convegno con studenti delle scuole tecniche e professionali, organizzato dall’UNRAE in collaborazione con il Comitato Centrale dell’Albo degli Autotrasportatori, per la promozione del “Progetto Giovani Conducenti”.

Nella sede del CNOS-FAP di Palermo, circa 500 studenti sono stati accolti da Rappresentanti delle istituzioni promotrici, che hanno loro illustrato i contenuti e i termini del Progetto, inteso a promuovere la professione di conducente di veicoli per il trasporto di merci, mettendo a disposizione dei giovani che desiderano intraprendere tale professione gli strumenti finanziari e formativi necessari per ottenere i titoli richiesti. I ragazzi hanno, quindi, potuto prendere confidenza con i veicoli di ultima generazione esposti dalle Aziende associate all’UNRAE, esaminandoli sotto la guida di esperti che ne hanno loro illustrato caratteristiche tecniche e prestazionali.

“Questo Progetto di formazione dà concretezza ad un’idea strategica da tempo accarezzata dal nostro comparto produttivo, che vede nella professionalità dei conducenti, e quindi nella formazione dei giovani che intendono diventare tali, uno strumento essenziale per far recuperare al nostro Paese occupazione e trasporto qualificato nell’ambito di una maggior sostenibilità complessiva – ha commentato Franco Fenoglio, Presidente della Sezione Veicoli Industriali di UNRAE – visto che continuerà ad essere indispensabile nel futuro intermodale il ruolo del veicolo industriale, per la sua elasticità d’impiego e versatilità nella circolazione e distribuzione delle merci”.

La situazione attuale dell’autotrasporto italiano ed europeo è caratterizzata negativamente da una pratica diffusa di dumping sociale, che identifica aspetti di iniquità salariale e concorrenza sleale nel settore, con aggravio delle condizioni di lavoro ed aumento di rischi per la sicurezza. Tutto questo di fronte ad una crescente carenza di conducenti professionisti, che si riscontra nel mercato del lavoro dell’Europa occidentale. Tale situazione si fa tanto più difficile da sostenere di fronte alle pressanti richieste di maggior rispetto ambientale e sicurezza del trasporto e della circolazione, nonché di maggior redditività delle imprese.

A queste richieste, peraltro, i Costruttori di veicoli industriali associati all’UNRAE rispondono mettendo sul mercato prodotti il cui livello tecnologico è in grado di soddisfarle, a patto che i veicoli siano poi gestiti da personale espressamente formato e altamente qualificato.

“Il Progetto Giovani Conducenti – ha proseguito Fenoglio – si inserisce proprio in questa realtà, anche per dare un contributo concreto e un positivo impulso alla soluzione del problema dell’occupazione giovanile, nella prospettiva di una crescita economicamente, socialmente ed ecologicamente compatibile del settore. Per queste ragioni, è oggi prova di lungimiranza scegliere di investire, come ha fatto l’Albo, per formare e qualificare giovani conducenti alla guida dei veicoli per il trasporto di merci di ultima generazione, tecnologicamente all’avanguardia rispetto ad ogni altro mezzo stradale. La disponibilità di personale professionalmente preparato è uno strumento che consente alle imprese di autotrasporto di compiere un ulteriore salto di qualità, del quale esse hanno oggi bisogno anche per garantirsi maggior redditività e affrontare con determinazione le sfide settoriali di un futuro che è già cominciato”.

“Il Progetto Giovani Conducenti è stato fortemente voluto dal Comitato Centrale dell’Albo e portato avanti con l’appoggio delle Associazioni di categoria dell’autotrasporto per offrire un’opportunità concreta ai giovani tra i 18 e i 29 anni e fornire loro una formazione adeguata a svolgere un lavoro qualificato come l’autista di mezzi pesanti – ha sottolineato la Presidente del Comitato Centrale dell’Albo degli Autotrasportatori, Maria Teresa Di Matteo. – Il numero di domande presentate per acquisire le patenti specifiche, oltre 2.500 in pochi giorni, non fa altro che confermare la bontà della scelta fatta nell’avviare questo Progetto e ci conforta nella decisione di portare avanti l’iniziativa: a partire da un rifinanziamento del programma, inizialmente previsto per soli 100 giovani”.

L’opinione delle Aziende di autotrasporto è stata manifestata dal Thomas Baumgartner, Presidente di ANITA, che nel suo intervento ha sottolineato come “Il Progetto Giovani Conducenti è strategico per il futuro dell’autotrasporto, poiché avvicina i giovani al settore e li sensibilizza a intraprendere un percorso formativo come conducente professionale. Il coinvolgimento delle nuove generazioni, e la loro formazione, sono necessari per fronteggiare la mancanza di autisti alla quale il settore assiste ormai da tempo”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Inserisci il tuo nome.

Inserisci la tua mail.

Inserisci il commento.

Loading ...