Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

mercoledì 12, dicembre 2018

Torna in su

Cima

Nessun commento

Lucca: scoperti 200 veicoli con intestazioni fittizie

Lucca: scoperti 200 veicoli con intestazioni fittizie

| il 08, gen 2014

Assicurazioni false e intestazioni fittizie per infrazioni amministrative del valore complessivo di oltre 115 mila euro.

A tanto ammonta il “bottino” che gli agenti della polizia stradale di Lucca hanno scoperto indagando su alcune imprese con sede legale al campo nomadi di via delle Tagliate, a Lucca, che risultavano proprietarie di 218 veicoli, i quali hanno portato, al momento, a 221 infrazioni amministrative dal valore appunto di oltre 115 mila euro. Sono ancora in corso indagini per approfondire meglio se e quando questi mezzi siano stati utilizzati per compiere reati, e di quale genere.

Sono ancora in corso indagini per approfondire meglio se e quando questi mezzi siano stati utilizzati per compiere reati, e di quale genere.

Alcuni, di varia tipologia e cilindrata, sono già sottoposti a sequestro in tutta Italia perché circolanti con assicurazioni false. Gli inquirenti sospettano che possano essere stati utilizzati per compiere qualcosa d’illecito, foss’anche altre mere infrazioni al codice della strada, le quali non sarebbero comunque riconducibili all’effettivo colpevole. Le imprese hanno portato ad un gruppo di rumeni coinvolti nelle intestazioni fittizie: si tratta di due residenti a Saltocchio, di 27 e 28 anni, e di un 39enne residente in piena Lucca.

Tutti quanti risultavano svolgere regolare attività di compravendita di autoveicoli on-line o a mezzo di giornali e telefono. Ma al campo nomadi, peraltro stasera in discussione al consiglio comunale, non è stata riscontrata, in realtà, alcuna attività d’impresa, né la presenza di sedi, uffici o tantomeno dei veicoli. Nessuno dei tre rumeni ha saputo fornire dettagli sugli utilizzatori dei veicoli, che adesso verranno cancellati dal pubblico registro automobilistico e, dunque, non potranno più circolare, almeno in teoria.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Inserisci il tuo nome.

Inserisci la tua mail.

Inserisci il commento.

Loading ...