Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

venerdì 24, novembre 2017

Torna in su

Cima

Nessun commento

Minicar: nuovi veicoli, nuove vittime

Minicar: nuovi veicoli, nuove vittime

| il 28, apr 2014

Nuovo campanello d’allarme lanciato dall’associazione FRATERNITA’ DELLA STRADA che ha raccolto i dati Istat sulle vittime

Con le statistiche Istat riferite agli incidenti stradali nel 2012 sono apparsi per la prima volta i quadricicli, conosciuti anche come minicar. 

Data la cilindrata ridotta sono considerati ciclomotori, ma è piuttosto evidente come siano vissuti come autovetture. Ebbene, nel 2012, su queste vetturette dalla velocità (ufficialmente) ridotta, 8 conducenti hanno perso la vita e 459 sono rimasti feriti in incidenti stradali. Sono cifre apparentemente relative ma, a fronte di un parco veicoli ancora molto contenuto (si stima che i “ciclomotori a quattro ruote” circolanti siano 82.063), sono certamente un sintomatico campanello d’allarme.

Degli 8 morti, 7 erano uomini. Dei 459 feriti, il 36% era costituito dalle donne e il 64% da uomini. Ma non è corretto trarre deduzioni frettolose: occorrerebbe infatti conoscere quanti uomini e quante donne siano in circolazione su tali veicoli e quale sia la loro percorrenza media chilometrica. Tra morti e feriti su quadricicli, nel 2012 è risultato inoltre che il 65% era costituito da conducenti di oltre 30 anni e il 35% al di sotto. Ma ben il 33,7% è stato assorbito dagli adolescenti (10-17 anni) e ciò dovrebbe indurre a qualche riflessione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Inserisci il tuo nome.

Inserisci la tua mail.

Inserisci il commento.

Loading ...