Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

lunedì 25, giugno 2018

Torna in su

Cima

Nessun commento

Se ti ubriachi, la macchina si blocca, in Belgio una norma speciale in arrivo

Se ti ubriachi, la macchina si blocca, in Belgio una norma speciale in arrivo

| il 24, mag 2018

La guida in stato di ebbrezza resta uno dei principali motivi di morte su strada. Per questo motivo, l’Unione Europea sta pensando di installare sulle automobili di nuova costruzione gli “Alcol Interlock”, dei dispositivi che sottopongono il guidatore a un alcol test e impediscono alla vettura di mettersi in moto in caso di risultato positivo. In Belgio è già realtà

In Belgio, dal primo luglio di quest’anno, entrerà in vigore una norma speciale del codice della strada che impone, a chi abbia già riportato una condanna per guida in stato di ebbrezza con tasso accertato superiore a 1,2 g/l, di montare sul veicolo un etilometro immobilizzatoreetilometro immobilizzatore, letteralmente “éthylotest antidémarrage”. Non è tutto: a decidere il periodo di “guida vigilata” sarà il giudice, che ai condannati per soglie da 1,2 a 1,8 grammi di alcol per litro di sangue imporrà l’uso dell’etilometro “bloccamotore” per un periodo fino a tre anni, mentre per chi supera quella soglia la misura potrà essere anche perpetua e, comunque, non inferiore ai tre anni. Ad ispirare questa nuova legge, votata dal Parlamento lo scorso 8 febbraio, la recidiva di reati di questo tipo, che secondo l’istituto Vias – l’agenzia belga della sicurezza stradale – sarà ridotta del 75% rispetto all’uso di una sola pena tradizionale, anche di tipo accessorio. In Belgio, ogni anno, si registrano circa 180 vittime su un totale di 5.000 incidenti stradali alcolcorrelati, mentre il numero medio di denunce per guida in stato di ebbrezza – tenetevi forte – è di 50mila: 10mila di essi hanno un tasso alcolemico superiore a 1,8 g/l. “Cercare di ridurre queste percentuali con semplici campagne informative – dicono al Vias – non basta”. Ci hanno provato, ma con le buone non è servito. Dunque, la politica si è fatta carico del problema e nonostante le fortissime resistenze del paese la legge è passata al primo giro.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Inserisci il tuo nome.

Inserisci la tua mail.

Inserisci il commento.

Loading ...