Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

martedì 19, settembre 2017

Torna in su

Cima

16 commenti

Estero vestizione: nuove regole

Estero vestizione: nuove regole

| il 07, gen 2015

Se andrà a regime la riforma gli stranieri fermati per un controllo di polizia saranno sottoposti a fermo del veicolo fino alla regolarizzazione delle procedure burocratiche

Con il ddl C-1512 approvato dalla commissione trasporti della camera prima di Natale e che ora attende il via libera definitivo dell’aula chi abita in Italia da oltre un anno non potrà continuare a circolare con la targa di nazionalità straniera in palese inosservanza delle multe automatiche. In caso di controllo scatterà, infatti, anche il fermo del veicolo che poi dovrà obbligatoriamente dotarsi di targa italiana. Mentre la legge delega di riforma complessiva del codice stradale licenziata dalla camera il 2 ottobre scorso sembra aver rallentato il suo iter, il ddl 1512 procede spedito con pochi articoli dedicati alle emergenze più concrete della sicurezza stradale. Ma sul tema dell’esterovestizione la microriforma fa un passo in avanti modificando innanzitutto l’art. 103 del codice stradale che disciplina le modalità di esportazione dei veicoli che diventeranno più restrittive e controllate. Con l’innesto di un nuovo art. 132-bis, poi, i soggetti comunitari residenti in Italia da oltre un anno avranno vita difficile se non provvederanno a reimmatricolare il veicolo con targa nazionale. Se andrà a regime la riforma infatti gli stranieri fermati per un controllo di polizia saranno sottoposti a fermo del veicolo fino alla regolarizzazione delle procedure burocratiche.

In questo modo sarà più difficile eludere le sanzioni senza contestazione immediata e tutta la disciplina fiscale e tributaria dei veicoli. Ma anche quella assicurativa. Circa la mancata copertura assicurativa dei mezzi la riforma tenta di riordinare la questione semplicemente ammettendo anche il controllo dell’art. 193 cds tra quelli automatici, senza necessità di contestazione immediata. Novità in arrivo anche per i ciclisti.

Sarà ammesso parcheggiare le biciclette sul marciapiede senza creare intralcio e senza incorrere in sanzioni. Inoltre gli amanti delle due ruote in centro abitato potranno circolare anche in senso contrario al senso di marcia, laddove espressamente indicato dalla segnaletica.

16 Comments on Estero vestizione: nuove regole

vafutescu said : Guest Jan 15, 2015 at 5:01 PM

tranquillo ,la lege si riferisce a proprietari residenti di piu di un anno con imatricolazione estera {uguale a quella della traduzione della patente che obliga la traduzione se sia residenti di piu di 1 anno}cumunque questa lege e per i pezzi di merda {rasissti}che usano le auto con targhe straniere per non pagare multe ,pedaggi...ecc.per quanto riguarda gli stranieri non sara dificile tornare in paese e trasferirla su nome di un altro famigliare o ...ecc.allora infami di merda che no avete mai voglia di fare un cazzo ,la lege andra in culo a voi .

nicoleta said : Guest Jan 15, 2015 at 1:30 AM

Qualcuno?? No caro..andate a fare in culo..I marocchini che fanno sempre problemi e che ne arrivano in tanti ..no? Vi stava su le pale questa lege che non veniva gestita..fate schifo..oltre sporchi in casa siete pure nel cervelo..

ma-ta said : Guest Jan 14, 2015 at 11:11 PM

fomist esti tu in pizda matii

roberto said : Guest Jan 14, 2015 at 9:55 PM

Andate a fare in culo nel vostro lurido paese........coglione.

cristina said : Guest Jan 14, 2015 at 7:29 PM

Che furbi??....che cazzo stai dicendo luigi??....vi siete mai chiesti perche aumentano le macchine con targhe straniere??..semplice...perche un straniero,in italia, paga 10 volte di piu solo di assicurazione, di un italiano.....ma vi pare possibile che uno riesca almeno averla la macchina??....informatevi bene prima di parlare.....riguardo alla lege in primis,che e basilare sapere che NON E UGUALE PER TUTTI.....

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Inserisci il tuo nome.

Inserisci la tua mail.

Inserisci il commento.

Loading ...