Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

giovedì 25, aprile 2019

Torna in su

Cima

Nessun commento

Chieti, UNASCA dà il via all’Operazione trasparenza

Chieti, UNASCA dà il via all’Operazione trasparenza

| il 02, gen 2019

Quando si è certi di agire nella legalità, quando non c’è nulla da nascondere, si può anche esibire un tesserino. Nessuno lo richiede, è UNASCA a proporlo. Accade a Chieti, dove la Segreteria provinciale degli Studi di consulenza automobilistica ha lanciato, d’intesa con la Motorizzazione civile, una “Operazione trasparenza” per i professionisti che si presentano agli sportelli della Pubblica amministrazione.

«L’Operazione trasparenza – spiega Gilberto Negretti, Segretario provinciale Studi di Chieti -, consiste nell’esibizione di un cartellino con il nome del titolare, del socio o di un collaboratore o di un semplice incaricato che agisce per conto di uno Studio di consulenza, cui corrisponde un nome in un registro delle persone autorizzate a presentarsi per motivi professionali negli uffici della Motorizzazione o della Provincia per conto delle nostre imprese. Pur non previsto dalle normative, abbiamo voluto proporre noi per primi l’esibizione del cartellino all’Amministrazione pubblica, per dare un segnale di trasparenza e per evitare gli accessi a persone non autorizzate. Anche l’elenco dei nominativi l’abbiamo fornito noi».

A Chieti, UNASCA non ha proposto solo l’Operazione trasparenza. Grazie a un buon rapporto con l’ingegner Nino Mario Presutti, direttore della Motorizzazione civile, si è consolidata da tempo l’abitudine a fare il tagliando semestrale alla burocrazia. «Abbiamo incontri semestrali – prosegue Negretti – per aggiornarci sul tavolo tecnico che abbiamo aperto con la Motorizzazione, così come con le altre amministrazioni con cui quotidianamente ci rapportiamo. Servono per capire se le proposte fatte e condivise siano poi tradotte in pratica; se servano dei correttivi o se nel frattempo siano sorte altre criticità. Lo spirito è sempre collaborativo, di confronto».

I frutti si vedono nei tempi di risposta delle pratiche, che a Chieti rimangono nei termini delle disposizioni ministeriali. «Con le nazionalizzazioni – spiega Negretti – riusciamo a stare nelle tempistiche ragionevoli: nella media dei 6/8 giorni di risposta, senza sforare i limiti previsti. Merito anche del gran lavoro dei funzionari. Per i collaudi e le revisioni, l’ingegner Presutti spesso ha raddoppiato le sedute o autorizzato criteri di urgenza, soprattutto per le revisioni dei mezzi pesanti, pur di venire incontro alle esigenze dell’utenza e nonostante la carenza di personale in servizio. E rimaniamo entro i 30 giorni. Va detto che in Motorizzazione sanno di aver a che fare con un’Associazione credibile sul territorio e questo permette di raccogliere i frutti della fiducia che si è instaurata negli anni».

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Inserisci il tuo nome.

Inserisci la tua mail.

Inserisci il commento.

Loading ...