Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

domenica 16, dicembre 2018

Torna in su

Cima

Nessun commento

Verso l’esodo: evitare le code con le “partenze intelligenti”

Verso l’esodo: evitare le code con le “partenze intelligenti”

| il 30, lug 2018

Come da tradizione, con la fine di luglio coincidono le ultime fatiche dei lavoratori italiani prima delle ferie agostane. Si stima che nei prossimi giorni, a partire dal fine settimana del 4-5 agosto, saranno circa dodici milioni gli italiani che affolleranno strade e autostrade italiane, come spesso capita in direzione Sud e isole. Per far sì che anche le ferie estive non comincino con la fatica di un lungo viaggio gravato da ore nel traffico sotto il sole cocente, il consiglio che arriva dal Codacons – Coordinamento delle associazioni per la difesa dell’ambiente e dei diritti degli utenti e dei consumatori – è lo stesso di sempre: puntare sulle partenze intelligenti, evitando le autostrade nei giorni e nelle ore di maggior congestione e solo dopo aver effettuato tutti i controlli di sicurezza sulla propria auto (o moto).

Un aiuto per i viaggiatori arriva anche da Autostrade per l’Italia, che nei giorni scorsi ha diffuso il calendario dell’esodo estivo per fine luglio, agosto e settembre, evidenziando i giorni da “bollino nero” (quelli cioè con la maggior congestione stradale) e quelli dal meno temibile ma comunque evitabile “bollino rosso”. In agosto i giorni più a rischio saranno il 2 e il 3. Massima concentrazione il 4-5 e 6. Poi altri giorni difficili da venerdì 10 a domenica 12. Per quanto concerne invece i viaggi di ritorno, i “bollini neri” riguarderanno i giorni 18-19-24-25 e domenica 26 agosto. I giorni difficili saranno anche quelli dell’1, 7 e 8 settembre ma anche domenica 9 registrerà criticità sia al mattino che al pomeriggio. Per cercare di tamponare la situazione di emergenza, nei fine settimana dei mesi estivi sarà vietata la circolazione dei mezzi pesanti sulle autostrade italiane.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Inserisci il tuo nome.

Inserisci la tua mail.

Inserisci il commento.

Loading ...