Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

venerdì 26, aprile 2019

Torna in su

Cima

Nessun commento

Estonia, esami di guida con zero contestazioni

Estonia, esami di guida con zero contestazioni

| il 13, feb 2019

Il 9 e il 10 febbraio, a una manciata di chilometri da Parno, si è svolta l’Assemblea generale delle autoscuole estoni. Manuel Picardi è stato invitato in qualità di vice Presidente della Federazione Europea di Autoscuole (EFA), nonché rappresentante di UNASCA.

Durante il suo intervento, Picardi, ha spiegato l’impegno attuale di EFA sia nella sicurezza stradale, sia nel cercare di garantire un futuro alle autoscuole, anche per via del ruolo sociale che ricoprono da quasi un secolo. Sono stati presentati in anteprima i risultati dei lavori del “Driving License Committee” tenutosi a inizio settimana a Bruxelles, soprattutto riguardo i veicoli impiegabili per gli esami per il conseguimento di patenti A2 e BE.

Il sistema estone è uno dei maggiormente conservatori in Europa. A causa di una pesante eredità centralizzatrice sovietica, la formazione alla guida è sempre stata obbligatoria, sia nella forma teorica, sia in quella pratica. Oggi ci si domanda se un tale impianto abbia ancora senso, ovvero in un contesto di crisi globale e contrazione della spesa, spetterebbe alle famiglie decidere la quantità di risorse da investire per la sicurezza dei propri figli.

L’Estonia, comunque, anche grazie alla sua giovane età riconquistata, rimane uno dei paesi più dinamici, soprattutto nel campo della tecnologia. Gli esami di guida, che si svolgono sulle auto del Ministero, sono tutti registrati con sistema di telecamere a 360°, che limitano le contestazioni e garantiscono un livello di sicurezza maggiore al personale esaminatore.

Mattatore e padrone di casa è Neeme Kulmallik (nella foto: al centro). Recentemente eletto Presidente della EAL, Neeme ha saputo garantire continuità agli sforzi compiuti dai suoi predecessori nel garantire un sistema di formazione sempre aggiornato coi tempi.

“Temperatura esterna a parte – racconta Manuel Picardi -, qui l’atmosfera è molto calda. Le autoscuole estoni sono molto legate tra di loro e c’è un senso di appartenenza difficilmente riscontrato altrove. Basti pensare che i lavori congressuali cominciano con l‘alza bandiera e i saluti ufficiali agli ospiti e alle istituzioni. Considero un onore l’avermi dato la possibilità di innalzare la bandiera insieme al collega finlandese Jarmo Jokilampu (nella foto: a destra di Picardi e Kulmallik), per dar inizio a questa splendida festa”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Inserisci il tuo nome.

Inserisci la tua mail.

Inserisci il commento.

Loading ...