Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

venerdì 18, giugno 2021

Torna in su

Cima

Friuli-Venezia Giulia: direttore vacante, Motorizzazione a rischio paralisi

Friuli-Venezia Giulia: direttore vacante, Motorizzazione a rischio paralisi

| il 26, mag 2021

Uffici e servizi della Motorizzazione civile a rischio paralisi in Regione Friuli-Venezia Giulia. A lanciare l’allarme è Francesco Osquino, coordinatore regionale degli Studi di consulenza automobilistica UNASCA e Vicesegretario nazionale di settore.

«Viviamo una situazione di forte preoccupazione – dichiara Osquino – sia per gli Studi di consulenza automobilistica, così come per le Autoscuole, per lo stato in cui versa la Motorizzazione della nostra Regione. L’organico degli uffici ridotto ormai all’osso, soprattutto se consideriamo i pensionamenti previsti nel corso del 2021. Dopo il pensionamento dell’ingegner Guglielmo Galasso all’inizio di maggio, che aveva impresso una svolta nell’erogazione dei servizi agli operatori professionali, non è ancora stato individuato il nuovo Direttore della Motorizzazione Regionale. Senza un intervento urgente il rischio è quello della paralisi degli uffici e dei servizi a cittadini e imprese».

Patenti, pratiche amministrative, revisioni e collaudi dei veicoli sono i servizi per i quali Unasca paventa un progressivo rallentamento, dopo diverse interlocuzioni informali sull’argomento.

«Non è più procrastinabile un intervento da parte della Regione – si augura Francesco Osquino –. In gioco c’è il settore della mobilità privata, d’impresa, pubblica. Ma anche un esempio di virtuosa autonomia regionale e vero federalismo fiscale, visto che la Motorizzazione incamera risorse economiche a favore del nostro territorio. Ricordo, infatti, che i diritti per le pratiche eseguite rimangono in capo alla nostra Regione e non vengono trasferiti allo Stato come succede nel resto d’Italia. È paradossale che un servizio così importante non venga rinforzato, per espletare il maggior numero di operazioni possibili sul nostro territorio».

(Foto: Helena Volpi/Pixabay)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Inserisci il tuo nome.

Inserisci la tua mail.

Inserisci il commento.

Loading ...