Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

mercoledì 17, luglio 2019

Torna in su

Cima

Nessun commento

Incidenti all’estero: non facciamoci rovinare la vacanza!

Incidenti all’estero: non facciamoci rovinare la vacanza!

| il 29, lug 2015

Come destreggiarsi tra la burocrazia in caso di sinistro avvenuto in terra straniera: alcuni consigli utili.

Vi è mai capitato di andare in vacanza con la vostra auto o di noleggiarne una sul posto? Avete mai pensato alle possibili conseguenze in caso di incidente? Anche se decidete di muovervi con i mezzi pubblici, il rischio di prendere parte ad un sinistro è sempre dietro l’angolo. È quindi utile saper gestire questo genere di situazioni, per vivere le proprie vacanze al meglio e senza pensieri.

A tal proposito viene in aiuto ADICO, Associazione Difesa Consumatori, i cui esperti spiegano i possibili imprevisti che possono capitare e le relative soluzioni. Bisogna innanzitutto sapere che se il sinistro avviene in un Paese del sistema Carta Verde (si tratta di un certificato internazionale di circolazione che consente l’utilizzo di un veicolo all’estero) per parte di un veicolo immatricolato e assicurato in uno degli Stati dello Spazio Economico Europeo, ci si può rivolgere al mandatario che l’impresa assicuratrice nomina in ogni Paese SEE. Per individuarlo si può scrivere a ISVAP – centro di informazioni – ed indicare tutti gli elementi necessari per risalire ai soggetti interessati, come la targa, la nazionalità e l’impresa di assicurazione del veicolo. Se non perviene una risposta motivata entro tre mesi ci si può rivolgere direttamente a CONSAP S.p.A. (Concessionaria Servizi Assicurativi Pubblici). Se l’incidente avviene in Italia ma con un veicolo estero, invece, si deve inviare una raccomandata a.r. all’Ufficio Centrale Italiano, al seguente indirizzo: UCI – corso Sempione, 39 – 20145 Milano.

Non preoccupatevi, nessuno rovinerà la vostra vacanza: tutte queste pratiche infatti possono essere svolte in Italia, in quanto non è obbligatorio prendere parte a iniziative legali nello Stato in cui è avvenuto il sinistro. Una volta messe in chiaro le modalità per la richiesta del risarcimento si può finalmente partire: non dimenticate di allacciare la cintura, e di portare con voi copia delle polizze assicurative e quei numeri che possono tornarvi utili in caso di incidente.

Informazioni utili:

Paesi del Sistema Carta Verde: Albania; Andorra; Austria; Belgio; Bielorussia; Bosnia Erzegovina; Bulgaria; Repubblica Ceca; Cipro; Croazia; Danimarca; Estonia; Finlandia; Francia; F.Y.R.O.M. (ex Repubblica Jugoslava della Macedonia); Germania; Grecia; Iran; Irlanda; Islanda; Israele; Italia; Lituania; Lettonia; Lussemburgo; Malta; Marocco; Moldavia; Norvegia; Paesi Bassi; Polonia; Portogallo; Regno Unito di Gran Bretagna ed Irlanda del Nord; Romania; Serbia e Montenegro; Rep. Slovacca; Slovenia; Spagna; Svezia; Svizzera; Tunisia; Turchia; Ucraina; Ungheria.

Stati membri: secondo le previsioni dell’art. 1 del codice delle assicurazioni per tali si intendono tutti i Paesi dell’Unione Europea e tutti quelli aderenti allo Spazio Economico Europeo (i 28 dell’Unione Europea oltre a Islanda, Norvegia e Liechtenstein).

Contatti:

– ISVAP: La sede si trova in Via del Quirinale 21- 00187 ROMA. Si può inviare un fax al numero 0642133730 oppure un messaggio e-mail all’indirizzo centroinformazioni@isvap.it;

– CONSAP: La sede si trova in Via Yser, 14 – Roma. Il Contact Center è reperibile da lunedì a venerdì, dalle 9.00 alle 17.00 al numero 06/85.796.444. In alternativa si può inviare un’e-mail a richieste.centro@consap.it.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Inserisci il tuo nome.

Inserisci la tua mail.

Inserisci il commento.

Loading ...