Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

lunedì 17, febbraio 2020

Torna in su

Cima

Nessun commento

Moto, Unasca al Parlamento: formazione minima obbligatoria nella guida

Moto, Unasca al Parlamento: formazione minima obbligatoria nella guida

| il 27, gen 2020

Lettera aperta di Unasca, Unione Nazionale Autoscuole e Studi di Consulenza Automobilistica, alla Commissione Trasporti per richiedere la modifica dell’art.122 comma 5 della legge di riforma del Codice della Strada, ed introdurre così l’obbligo di una formazione minima per il conseguimento di ogni categoria di patente (non solo B ma anche AM, A1, A2 e A), delegando poi al Ministero dei Trasporti l’individuazione dei criteri.

«Una modifica necessaria – spiega il Segretario Nazionale Autoscuole di Unasca, Emilio Patella – sia per tutelare al meglio la sicurezza stradale nel nostro Paese, sia per ottemperare alla Direttiva UE 2006/126 che stabilisce l’obbligo di esami di guida su ogni tipo di strade, extraurbane e autostrade, per le varie categorie di patenti da conseguire. Del resto lo stesso Consiglio di Stato si è espresso indicando come ottimale soluzione l’introduzione da parte del MIT di un numero minimo di lezioni di guida».

L’attuale discordanza nella normativa, si legge nella lettera aperta Unasca, pone a rischio sanzioni e gravi responsabilità civili e penali, tutti gli aspiranti conducenti di ciclomotori, motocicli, mentre la modifica auspicata garantirebbe anche esercitazioni di guida sicure per candidati e collettività.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Inserisci il tuo nome.

Inserisci la tua mail.

Inserisci il commento.

Loading ...