Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

domenica 23, settembre 2018

Torna in su

Cima

Nessun commento

Parola d’ordine: ricostruire

Parola d’ordine: ricostruire

| il 23, mag 2018

Domenica scorsa nella sede dell’autoscuola Pagliara a Erchie il Segretario Nazionale Autoscuole Emilio Patella ha incontrato titolari di autoscuola, associati e non, della provincia di Brindisi.

Presenti all’incontro il coordinatore regionale della Puglia autoscuole Remo Pavone, il segretario provinciale di Bari Raffaele Moretti e Giovanni Mancini della segreteria nazionale autoscuole. Tra i brindisini titolari storici come Franco Iaia, che per alcuni anni è stato vice segretario nazionale, il padrone di casa, Nando Pagliara, Rendina e Enzo Poci,  che si occupa anche di storia, scrivendo articoli e sviluppando ricerche sulla storia del Meridione, il fenomeno del brigantaggio e altro ancora. Il segretario nazionale ha insistito sul ruolo dell’Associazione, le battaglie che da oltre 50 anni porta avanti e i problemi attuali che la categoria si trova ad affrontare. Il coordinatore regionale ha portato la testimonianza di come nelle province limitrofe Unasca sta lavorando con le istituzioni, affrontanto problematiche e disagi, cercando soluzioni condivise. Da parte di alcuni titolari è stata sottolineata la sensazione di abbandono e isolamento di Brindisi e richiesto un aiuto da parte dell’associazione. Più volte è stata sottolineata la volontà di ricostruire una segreteria provinciale che esisteva ma per vari motivi, alcuni legati a persone inaffidabili, hanno portato all’allontanemento di alcuni titolari. Il segretario ha assicurato il massimo appoggio e insistito sul fatto che le persone sono importanti, molto dipende da loro e da come si pongono, ma una associazione seria non può e non deve dipendere da una singola persona e che vi sono salvaguardie di democrazia che permettono di sostituire e accantonare chi non si deimostra all’altezza del ruolo, senza sfasciare l’associazione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Inserisci il tuo nome.

Inserisci la tua mail.

Inserisci il commento.

Loading ...