Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

domenica 16, dicembre 2018

Torna in su

Cima

Nessun commento

Trasporti eccezionali, tutto quel che c’è da sapere è su piattaforma digitale

Trasporti eccezionali, tutto quel che c’è da sapere è su piattaforma digitale

| il 22, nov 2018

Come si richiede e ottiene l’autorizzazione per la circolazione dei veicoli eccezionali e dei trasporti in condizione di eccezionalità? La risposta l’ha data il Centro Studi Cesare Ferrari, che il 27 ottobre scorso, a Bologna, ha promosso un corso per tutti i propri consulenti automobilistici che operano in questo delicato settore dell’autotrasporto.

Nell’intervento curato da Alessandro Bicego, responsabile dell’Unità Operativa Trasporti Eccezionali della Città Metropolitana di Bologna, è stato illustrato l’utilizzo del sistema “TE online (Trasporti Eccezionali online)” dedicato alle Aziende di trasporto, alle Agenzie e Studi di consulenza automobilistica ed agli Enti o alle Aziende pubbliche che rilasciano le autorizzazioni o nulla osta, e Forze di Polizia. Il sistema è sviluppato dal laboratorio WebGISLab del Consorzio CFR (Centro Futuro in Ricerche) di Ferrara e consente di gestire i permessi digitali in un processo totalmente dematerializzato, dalla richiesta, ai pagamenti (anche con carte di credito), ai nullaosta ed ai pagamenti. Soprattutto mette in comunicazione tutti gli Enti che partecipano al progetto, condividendo anagrafica utenti, aziende e mezzi.

Già utilizzato in gran parte dell’Italia, grazie a un progetto pilota della Regione Emilia-Romagna questo sistema si integra ora con l’applicativo di Società Autostrade “TE-CROSSING”, per la verifica della transitabilità dei “giganti della strada” sui cavalcavia della rete autostradale. Vera e propria mappa interattiva dei cavalcavia autostradali, il TE-CROSSING consente una “pre-analisi di transitabilità” e l’individuazione dei “valori soglia di carico” (per asse e interassi) ammissibile al transito sui cavalcavia dislocati sulla rete autostradale del territorio regionale e di interesse strategico, con diverse modalità di transito: “Libero”, “Condizionato” ed “Esclusivo” soggetto, quindi, a particolari prescrizioni e obblighi da indicarsi nel provvedimento autorizzativo. Se svolte ulteriori verifiche, con il TE-Crossing si rilascerà poi uno specifico “Nulla osta tecnico” in formato digitale con cui gestire il transito eccezionale da autorizzare.

Queste piattaforme digitali, come ha sottolineato Alessandro Bicego, consentiranno una gestione sempre più efficiente dei transiti eccezionali eccedenti i limiti degli articoli 10 e 62 del Nuovo Codice della Strada, al fine di evitare ogni sorta di pericolo per la stabilità delle strutture e sul rilascio semplificato in tempi ridotti delle autorizzazioni alle imprese di trasporto. La Regione Emilia-Romagna già possiede un archivio regionale delle sue strade, disponibile in una App per per smartphone e tablet che consente ai professionisti della guida di conoscere in tempo reale quali arterie siano percorribili da un trasporto eccezionale.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Inserisci il tuo nome.

Inserisci la tua mail.

Inserisci il commento.

Loading ...