Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

domenica 16, dicembre 2018

Torna in su

Cima

Nessun commento

UNASCA al “Simusafe Consortium Meeting” di Cracovia

UNASCA al “Simusafe Consortium Meeting” di Cracovia

| il 26, set 2018

“Simusafe” è un progetto finanziato dall’Unione europea e prevede lo studio della possibilità di introdurre nel percorso formativo da seguire per ottenere la patente di guida, l’utilizzo del simulatore di guida. «Un enorme progetto – dice Manuel Picardi, vice presidente EFA – che vede impiegati almeno 30 partner internazionali: dalle multinazionali alle università, passando per gli esperti della formazione. Siamo molto fieri di poter partecipare alla ricerca e dare il nostro contributo. Gli istruttori di guida del futuro debbono comprendere al più presto la necessità di aggiornarsi e di abbracciare la tecnologia, che si è ritagliata un ruolo sempre maggiore nella nostra società, nella relazione tra uomo e veicolo».

All’evento di Cracovia di mercoledì 27 settembre ha partecipato anche il collega Paolo Perego, già rappresentante di Unasca, oggi nelle vesti di Psicologo del Traffico per l’Università Cattolica del Sacro Cuore. «I risultati degli studi che abbiamo svolto sono stati molto apprezzati dai partner del progetto – dice Paolo Perego -. Abbiamo analizzato centinaia e centinaia di video per classificare la percezione del rischio, i comportamenti e le reazioni e dei conducenti nel traffico. Tutti abbiamo ancora molto lavoro da fare e siamo curiosi di vedere come il frutto del nostro lavoro possa venire tradotto in un strumento utile per la formazione alla guida, cioè per la sicurezza stradale».

«Il nostro impegno nel progetto è costante – chiosa Carlo Polidori di AIPSS – e dovrà rimanere tale almeno per i prossimi anni: abbiamo monitorato le attività svolte, gestiamo le attuali e soprattutto vogliamo meglio comprendere la strada che stanno intraprendendo le grandi aziende hi-tech. A volte abbiamo l’impressione di assistere a una sregolata rivoluzione tecnologica imposta dall’alto, che ci fa sorgere più di un dubbio sull’utilità di alcuni sistemi: abbiamo veramente bisogno di un’automazione totale dei veicoli?».

Nella foto, da sinistra: Marteyn van Gasteren, Federica Biassoni, Paolo Perego, Manuel Picardi, Carlo Polidori, Stefan Espié, Maria Rita Ciceri, Manuel Picardi EFA vice President

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Inserisci il tuo nome.

Inserisci la tua mail.

Inserisci il commento.

Loading ...