Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

giovedì 13, giugno 2024

Torna in su

Cima

Liguria: “In strada usa la testa”, al via i laboratori di educazione stradale per under 30

Liguria: “In strada usa la testa”, al via i laboratori di educazione stradale per under 30

| il 30, gen 2023

Partito lunedì 30 gennaio, il progetto della Regione Liguria “Giovani e sicurezza: in strada usa la testa!”. Sono 35 i laboratori attivati, per circa 400 ragazzi tra i 16 e i 30 anni. Per l’educazione stradale, la Regione Liguria mette in campo 30 mila euro. Protagonisti: Aliseo, l’agenzia ligure per gli studenti e l’orientamento, l’Ordine degli Psicologi della Liguria, l’associazione Psics (Prevenzione, Sicurezza e Salute) e le associazioni di categoria delle autoscuole UNASCA e Confarca, con la regia dell’assessore alle Politiche giovanili Simona Ferro.

L’obiettivo è dare più strumenti agli under 30 per una corretta percezione del rischio e dei limiti di cui le persone alla guida devono essere consapevoli, i corretti comportamenti da assumere come conducenti, pedoni, ciclisti, motociclisti o passeggeri. «Un progetto che unisce tanti soggetti con uno scopo comune: migliorare la sicurezza sulle strade liguri» ha, dichiarato l’assessore alle Politiche Giovanili Simona Ferro, in occasione della presentazione del progetto a gennaio.

Regione Liguria ha affidato la realizzazione di Giovani e sicurezza: in strada usa la testa! all’Agenzia Ligure per gli Studenti e l’Orientamento (Aliseo). Nel dettaglio, i corsi saranno divisi in sezione A (dedicata ai futuri conducenti di moto, scooter, auto) e sezione B per i giovanissimi che utilizzano velocipedi come biciclette e monopattini elettrici.

«Le recenti statistiche ci parlano di tante giovani vite cancellate sulle nostre strade; è evidente quanto sia di primaria importanza il ruolo delle autoscuole nell’educare i ragazzi rendendoli ragionevoli, responsabili e consapevoli dei rischi connessi alla guida di un qualsiasi veicolo, anche di quelli per cui non è prevista alcuna formazione obbligatoria e alcuna patente. Grazie a Regione Liguria questo progetto vedrà le autoscuole Unasca impegnate con sempre maggiore partecipazione e attenzione», dichiara Tommaso Boccanfuso, coordinatore regionale delle Autoscuole UNASCA.

Nella foto, al centro Assessore politiche giovanili Regione Liguria Simona Ferro, a sinistra Tommaso Boccanfuso e a destra Alberto Bruttomesso, Segretario provinciale Autoscuole UNASCA di Genova

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Inserisci il tuo nome.

Inserisci la tua mail.

Inserisci il commento.

Loading ...