Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

venerdì 9, dicembre 2022

Torna in su

Cima

Nessun commento

Maltempo: la sicurezza secondo Unasca

Maltempo: la sicurezza secondo Unasca

| il 25, gen 2017

Alcuni consigli tecnici: andare adagio, usare poco il freno per evitare di perdere il controllo del mezzo, non far fare al veicolo movimenti bruschi, ma soprattutto essere certi e consapevoli di tutto quello che stiamo facendo.

“In questo periodo evidentemente complicato per il nostro Paese dal punto di vista metereologico, con particolare riferimento a quanto sta accadendo in Centro Italiala sicurezza stradale assume un ruolo importantantissimo”. E’ il Segretario Nazionale Emilio Patella a ribadirlo in questi giorni di emergenza maltempo: “Sicurezza stradale significa anche comprendere sulla base delle caratteristiche delle strade e di come si presentano se siamo in grado di affrontarle. Innanzitutto vale il principio del buon senso. Se non è strettamente necessario mettersi alla guida evitiamo di farlo. Laddove fosse invece inevitabile ricordo che la macchina deve avere tutte le dotazioni invernali, gomme termiche o catene su tutto. Non è solo un obbligo di legge, ma buon senso e primo fattore di sicurezza. Sembra banale, ma la velocità è un fattore determinante perché dobbiamo essere consapevoli di come la macchina risponde rispetto alle condizioni del fondo stradale. Il ghiaccio su tutti è un elemento evidentemente di pericolosità altissima, ma anche la pioggia può diventare un evento di estremo pericolo. Io consiglio sempre, anche a chi ha svolto corsi di guida sicura, di approcciare la guida in situazione estreme con cautela: la supponenza di saper fare determinate manovre può essere letale e creare situazioni di grande difficoltà. Poi ci sono alcuni consigli tecnici: andare adagio, usare poco il freno per evitare di perdere il controllo del mezzo, non far fare al veicolo movimenti bruschi, ma soprattutto essere certi e consapevoli di tutto quello che stiamo facendo. Chi magari sta andando a dare una mano a parenti, amici che oggi si trovano bloccati o in situazioni di difficoltà si accertino che non ci siano già sul luogo gli uomini della ProtezioneCivile o degli organi di polizia o di soccorsi in generale, e comunque – conclude Emilio Patella – se si va a soccorrere qualcuno avere sempre il triangolo, la fune di traino e in caso di fermata ricordarsi di azionare le quattro frecce”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Inserisci il tuo nome.

Inserisci la tua mail.

Inserisci il commento.

Loading ...