Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

mercoledì 13, novembre 2019

Torna in su

Cima

Nessun commento

PagoPA, come cambia il sistema?

PagoPA, come cambia il sistema?

| il 25, ott 2019

Realizzato dall’AgID, Agenzia per l’Italia Digitale, e previsto per legge, PagoPA è diventato velocemente il sistema unico per indirizzare i pagamenti verso la Pubblica Amministrazione. Forte dell’esperienza e delle infrastrutture sviluppate, il Gruppo Sermetra ha realizzato la piattaforma per i pagamenti PagoPA-Sermetra.

La piattaforma è entrata in funzione il 1 Gennaio 2019, quando i pagamenti  della Tassa Auto con moneta elettronica hanno iniziato a transitare sul nuovo sistema. In pochi mesi, ha ricevuto quasi un milione di pagamenti. Con tale modalità, i soldi non passano più per il conto corrente dell’agenzia ma vanno direttamente dal cittadino al PSP e quindi alla Regione di riferimento. Per ogni bollo riscosso, l’agenzia ha ricevuto una fee in qualità di soggetto esternalizzato, rilasciando non più una ricevuta ma una quietanza liberatoria. Quello che è avvenuto per la moneta elettronica, partirà proprio in questi giorni anche sulla riscossione in contante, che transiterà anch’essa su PagoPA-Sermetra.

Il sistema PagoPA prevede che le somme siano versate istantaneamente alla PA e questo è un cambiamento radicale dal punto di vista finanziario: gli importi devono infatti essere disponibili subito e non più il mercoledì della settimana successiva per il prelevamento della Regione.

Con l’adesione a PagoPA-Sermetra, l’agenzia avrà a propria disposizione un “portafoglio” gestibile in due modalità: Prepagato, l’Agenzia ricarica il portafoglio e riscuote  in base all’importo disponibile; Plafond+Prepagato, che consente di avere a disposizione, grazie ad una copertura fideiussoria, una determinata somma tarata in base alle riscossioni effettuate l’anno precedente.

Veniamo al pagamento delle somme di spettanza ACI per le pratiche PRA, che passano anch’esse su PagoPA. Nottetempo, ACI elabora il fine giornata e associa i codici necessari al pagamento. Ad ogni pratica corrisponde un Identificativo Unico di Versamento (IUV) più uno per la marca da bollo virtuale degli atti formati digitalmente. Il giorno dopo la presentazione delle pratiche – entro le 13:00 – deve essere effettuato il pagamento, pena l’annullamento delle stesse.

Come per i bolli, per i pagamenti ACI delle Pratiche PRA, l’agenzia avrà a disposizione lo stesso portafoglio, ugualmente gestibile con le due formule. Il portafoglio è unico e potrà comunque essere ricaricato con bonifico o carta di versamento. Durante l’utilizzo della piattaforma l’agenzia avrà sempre sott’occhio il proprio importo residuo. PagoPA-Sermetra sarà utilizzabile con qualsiasi gestionale, anche se avrà spiccate integrazioni con Leonardo Net.

La formula Plafond non è obbligatoria, ma è quella ovviamente più comoda per agenzie medie e grandi. In ogni caso, non è necessario aprire un conto corrente nuovo e quindi si continuerà ad utilizzare il proprio. Il POS diventa uno strumento indispensabile, soprattutto per chi eroga le Tasse Auto, perché il denaro transita direttamente dal cittadino alla Regione di riferimento. Sia per i bolli, sia per le pratiche, l’agenzia riceve sempre una fee quale soggetto esternalizzato.

Il sistema cambia, quindi, ma assume una forma vincente per le stesse agenzie, merito di una piattaforma proprietaria sviluppata da Sermetra Net. Dal 1 dicembre 2019 la piattaforma di pagamento PagoPA-Sermetra diventa il sistema unico per tutti i pagamenti, Tasse Auto e Pratiche PRA. La raccolta dei documenti e la sottoscrizione dei nuovi contratti è già cominciata.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Inserisci il tuo nome.

Inserisci la tua mail.

Inserisci il commento.

Loading ...