Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

sabato 7, dicembre 2019

Torna in su

Cima

Nessun commento

Patente, come ti rinnovo

Patente, come ti rinnovo

| il 23, giu 2013

L’obiettivo europeo è quello di limitare il numero di diversi modelli di patente in circolazione

Si dice che anche la più grande delle rivoluzioni passi per le piccole cose. In questo caso è un bollino adesivo a fare da ago della bilancia. Quello che solitamente veniva apposto sulla patente ad ogni rinnovo, probabilmente non esisterà più. Questa, assieme ad altre misure, fa parte dell’adeguamento italiano alle normative europee per la nuova patente di guida, introdotta dal 19 gennaio 2013. L’obiettivo europeo è quello di limitare il numero di diversi modelli di patente in circolazione, proteggerli dalle frodi e andare verso l’eliminazione delle patenti cartacee con un modello uniforme in tutti i Paesi membri. Per ora la norma europea proibisce di apporre tagliandi adesivi o di altro tipo sulla patente di guida e prescrive la graduale ed integrale surrogazione di tutte le patenti emesse prima del 19 gennaio 2013. L’Italia recepisce le direttive comunitarie e si prepara quindi ad emanare un decreto ministeriale ad hoc. Lo schema del decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti prevede procedure completamente nuove per il rinnovo della patente. Con una semplice emissione del duplicato, si ovvierà all’apposizione dei tagliandi adesivi, troppo piccoli e facilmente deteriorabili. Al rinnovo della patente, quindi, la validità della stessa verrà direttamente stampata su un nuovo documento, che gli automobilisti riceveranno a casa. Lo schema del decreto prevede anche che i medici competenti, le predisposte strutture e le commissioni mediche locali, che effettuano la visita medica per il rinnovo, affinchè siano convalidati i requisiti di idoneità fisica e psichica, trasmettano all’ufficio centrale operativo del dipartimento dei trasporti, per via telematica, un’apposita comunicazione contenente i dati, la foto e la firma del titolare della licenza di guida. Il sistema informatico, ottenuti tutti i dati, emanerà una ricevuta, stampata e consegnata dal medico all’interessato. Il titolare della patente di guida potrà circolare non appena ricevuto il duplicato della patente rinnovata e la ricevuta dell’avvenuta visita medica. Queste misure sono sufficienti per adeguarsi alla normativa europea? In attesa dell’approvazione del decreto ministeriale, terremo monitorati tutti gli aspetti operativi legati al rinnovo della patente.

Pubblicato sul numero 06/2013 del magazine Il Tergicristallo

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Inserisci il tuo nome.

Inserisci la tua mail.

Inserisci il commento.

Loading ...