Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

sabato 24, luglio 2021

Torna in su

Cima

Nessun commento

Piacenza, c’è la Segreteria provinciale Studi

Piacenza, c’è la Segreteria provinciale Studi

| il 19, apr 2021

Piacenza, gli Studi di consulenza hanno finalmente la Segreteria provinciale. La guida Matteo Gobbi, classe 1977, cresciuto tra le pratiche automobilistiche, che ha scelto di dedicarsi all’azienda di famiglia dopo aver lavorato per un grande marchio dell’automobile e poi nella logistica per uno dei colossi mondiali dell’arredamento. Piacenza non aveva più espresso rappresentanza associativa dal 2009, quando era fiduciaria Silvana Granelli, che di Matteo Gobbi è la madre.

«Personale della Motorizzazione in quiescenza e nessun turn over all’orizzonte. Questa la situazione a Piacenza, dove si prenota oggi una revisione per il prossimo dicembre. Rispetto ai 12 mesi di Bologna o Ferrara, sicuramente un’isola felice, nella situazione drammatica della mobilità che esce lentamente dalla pandemia. Ciononostante, avremo sicuramente da lavorare con la Motorizzazione, se contiamo che la digitalizzazione che il Documento unico porta con sé ha bisogno di essere registrata a dovere e l’introduzione dello smart working ha da un lato aumentato il nostro carico di lavoro, ma dall’altro ha allungato di molto i tempi con cui rispondiamo alla nostra clientela. Di sicuro due giorni alla settimana per consegnare la documentazione cartacea non ci permettono di lavorare al meglio», dice Gobbi.

E proprio la digitalizzazione è alla base della decisione di Matteo Gobbi di raccogliere il testimone generazionale dalla madre e tornare, così, in azienda. «Un fattore di innovazione che per la generazione di mia madre Silvana, può risultare problematico. Era, semplicemente, il mio momento», sintetizza il neo Segretario provinciale Studi Unasca.

Nei prossimi giorni, verranno ufficializzati i nomi dei componenti della Segreteria e del consigliere nazionale, assieme ai consiglieri provinciali dell’Associazione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Inserisci il tuo nome.

Inserisci la tua mail.

Inserisci il commento.

Loading ...