Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

giovedì 28, ottobre 2021

Torna in su

Cima

Nessun commento

Priorità per vaccinazione volontaria per le autoscuole marchigiane

Priorità per vaccinazione volontaria per le autoscuole marchigiane

| il 08, mar 2021

Autoscuole marchigiane, Unasca chiede che il personale sia inserito nelle liste di priorità vaccinali. Lo chiede al Presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli, il Vicesegretario nazionale del settore Autoscuole di Unasca Andrea Onori, che ha la delega alle relazioni istituzionali con il territorio marchigiano.

«Abbiamo appreso la notizia – spiega Onori – che la Giunta Regionale delle Marche intende estendere, su base volontaria, la possibilità di partecipare alla campagna di vaccinazione anche al mondo delle imprese e del lavoro. Abbiamo perciò scritto immediatamente al Presidente Acquaroli di valutare gli istruttori ed insegnanti di scuola guida fra le categorie a cui dare il vaccino in via prioritaria».

Le Autoscuole svolgono un servizio che garantisce ai cittadini un servizio pubblico di primaria importanza e di cruciale valore sociale. Per questo motivo la loro attività non viene sospesa nelle “zone rosse” (ad esclusione degli esami di guida patente B), come da ultimo DPCM del 02 marzo 2021 Art. 25 (Corsi di formazione) commi 3, 5, Art. 40 (Misure relative agli spostamenti in zona rossa) comma 2.

«I nostri lavoratori – conclude Andrea Onori – sono sempre attenti e rispettosi dei protocolli predisposti dai Ministeri per prevenire il contagio: tuttavia restano esposti al potenziale contagio del virus, dal momento che restano per lunghi periodi a stretta vicinanza con gli allievi in aula, alla stessa stregua del personale scolastico per i quali si è provveduto alla vaccinazione. Infine, alle lezioni di teoria in aula si aggiungono la formazione e l’aggiornamento dei conducenti professionali oltre le lezioni pratiche di guida con l’istruttore e il candidato, presenti obbligatoriamente nello stesso abitacolo del veicolo utilizzato per l’insegnamento».

(Foto: Unsplash)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Inserisci il tuo nome.

Inserisci la tua mail.

Inserisci il commento.

Loading ...