Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

sabato 4, dicembre 2021

Torna in su

Cima

Treviso, le Autoscuole incontrano l’on. Ketty Fogliani per la IX Commissione

Treviso, le Autoscuole incontrano l’on. Ketty Fogliani per la IX Commissione

| il 11, nov 2021

Con 4.500 persone in attesa di poter dare l’esame di guida nella Marca, gli esaminatori per sola ed esclusiva professione e in formazione continua alla stregua degli insegnanti istruttori, restano l’unica soluzione strutturale. Ci ha pensato a ricordarlo all’onorevole Ketty Fogliani che è componente della Commissione Trasporti della Camera invitata dalle associazioni di categoria a Treviso. Per Unasca c’era la Segretaria provinciale Autoscuole di Treviso Annalisa Ferrarini.

«All’onorevole Fogliani – riassume Ferrarini – abbiamo riepilogato la situazione di stallo della Motorizzazione e dei rischi di ulteriore disagio per l’utenza che potrebbe verificarsi dopo il primo trimestre del prossimo anno, quando sono previsti altri tre pensionamenti del personale. Nel frattempo, ci siamo assestati a un anno di distanza tra il foglio rosa e l’esame di guida».

All’incontro di lunedì 8 novembre, era presente anche l’ingegner Leopoldo Matarazzo, responsabile della Motorizzazione di Treviso. Annalisa Ferrarini ha, inoltre, portato sul territorio le anticipazioni che il Direttore generale della Motorizzazione civile Pasquale D’Anzi ha presentato il giorno precedente ai Coonsigli Nazionali delle Autoscuole e Studi di consulenza Unasca riuniti a Roma.

«Le novità degli esami con il riconoscimento facciale – ricorda Ferrarini – e la riduzione dei tempi di svolgimento e delle domande degli esami a quiz e il numero di errori ammessi per permettere nella stessa unità di tempo fare più esami permetterà un recupero del 30 per cento. Questa è la stima del direttore D’Anzi. L’estensione della validità dei fogli rosa esce dalla fase emergenziale del Covid e viene riconosciuta nell’emergenza degli arretrati record che a Treviso come in tante altre parti d’Italia ormai diventa un fatto con cui convivere e che noi spieghiamo ai nostri allievi. Anche la terza prova senza aggravio di costi con nuovi bollettini è una novità importante che va a vantaggio degli utenti. Infine, le autoscuole diventano punti formativi per i corsi di primo soccorso per chi consegue il cap».

Ma è sul fronte della formazione che la partita va perfezionata e su cui l’impegno di Unasca continua. «Cambia il Codice della strada – conclude Ferrarini – e cambia la tecnologia. È uno dei punti su cui ha insistito D’Anzi: la formazione degli allievi deve viaggiare di pari passo all’evoluzione tecnologica. Oggi l’auto più immatricolata in Europa è una full electric. Ma come si guida? Pensiamo di metterci al volente con le stesse nozioni di un’auto con il motore endotermico? E, d’altra parte, gli esaminatori sapranno valutare la guida degli allievi che presto o tardi faranno l’esame con una vettura ibrida o full electric?».

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Inserisci il tuo nome.

Inserisci la tua mail.

Inserisci il commento.

Loading ...