Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

lunedì 22, ottobre 2018

Torna in su

Cima

Nessun commento

Milano: troppi incidenti con fuga del responsabile

Milano: troppi incidenti con fuga del responsabile

| il 07, feb 2017

Tre incidenti in meno di un mese segnati dalla fuga del responsabile. Un morto, un ferito e tante persone spaventate da un fenomeno che sta diventando una vera piaga per la sicurezza di chi viaggia sulle strade del Nord Milano, ma non solo.

Non la chiamano ancora emergenza, eppure sono già tre gli incidenti degli ultimi giorni che a Milano hanno portato alla fuga dei responsabili. C’è il motociclista investito e lasciato dolorante sull’asfalto da un automobilista che nello scontro non si è fermato nemmeno per un istante. Solamente il giorno prima, a Bresso, un altro automobilista è fuggito dopo aver speronato un’auto con una donna alla guida. Alcuni testimoni hanno fornito un numero di targa parziale che potrebbe aiutare nelle indagini. La polizia locale, in collaborazione con i colleghi di Milano, sta anche concludendo le indagini per un altro incidente lungo la via Matteotti che ha causato la morte di un motociclista a gennaio. In generale, secondo i dati Istat più recenti, dei quasi 10 morti medi di ogni giorno, 4 si spostano in città, 5 sono su strade extra-urbane e 1 in autostrada. È curioso che là dove si può correre di più, le autostrade appunto, ci siano molte meno vittime rispetto alle strade cittadine dove la velocità non può superare i 50 all’ora (e oggi capita sempre più spesso di trovare limiti di 30 km/ora). Un secondo aspetto che emerge dai rilievi delle forze dell’ordine è che, molto spesso, e – purtroppo – dall’uso dello smartphone da parte di chi è alla guida. Bastano 2-3 secondi con gli occhi distratti dalla strada e posati sul telefonino per investire un pedone, centrare una motocicletta o sbattere su un’altra vettura.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Inserisci il tuo nome.

Inserisci la tua mail.

Inserisci il commento.

Loading ...