Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

mercoledì 2, dicembre 2020

Torna in su

Cima

Nessun commento

Commissione Trasporti, la Presidente Paita incontra Unasca

Commissione Trasporti, la Presidente Paita incontra Unasca

| il 21, ott 2020

Con il Presidente Antonio Datri, i segretari nazionali Studi e Autoscuole Alessandro Cherubini e Emilio Patella, il Vice segretario nazionale Autoscuole Andrea Onori e il componente della Segreteria nazionale Autoscuole Davide Falteri, Unasca torna a dialogare con la Commissione Trasporti della Camera dei Deputati. Martedì 20 ottobre, il vertice con la Presidente Raffaella Paita. In agenda, proposte del settore Studi per far convergere le risorse a disposizione della Motorizzazione sulle operazioni tecniche, e per completare, con le proposte del settore Autoscuole, rapidamente la riforma del Codice della strada che riconosca finalmente la figura dell’esaminatore di professione.

«Dopo l’audizione in IX Commissione – dichiara il Segretario nazionale Autoscuole UNASCA Emilio Patella – era questa l’occasione giusta per presentare alla Presidente Raffaella Paita le nostre proposte. L’impressione che non ci sia più un’emergenza Motorizzazione, non è precisa. Non è così. Purtroppo l’emergenza continua. Gli episodi di positività al Covid tra gli allievi o tra gli esaminatori rischia di aggiungere altri ritardi. Il punto di confronto è sul Codice della strada: il Viceministro ha detto che per ampliare il personale con il ruolo di esaminatore occorre una modifica all’Articolo 121 comma 3 del Codice. Bene, questa è una delle nostre proposte. Perché quando il Covid sarà passato il problema degli esami rimarrà. È l’ora di rendere centrale la figura dell’esaminatore. Così come l’occasione per rivedere la formazione e introdurre l’obbligo per la frequenza di lezioni su argomenti qualificanti come la percezione del rischio, le conseguenze dell’uso di alcol e stupefacenti alla guida. E da ultimo, l’occasione di risolvere il nodo dell’Articolo 122 comma 5, sulle guide per le moto in luoghi poco frequentati. Se il governo può dare un’accelerata su questi temi, siamo pronti a fare la nostra parte».

«Alla Presidente della IX Commissione PAITA – spiega il Segretario nazionale Studi ad interim Alessandro Cherubini – abbiamo esposto anzitutto alcune problematiche tecniche che stanno accompagnando l’attuazione del Documento unico e abbiamo ribadito il fattore critico della mancanza di personale negli Uffici Motorizzazione. Temi su cui abbiamo riscontrato la sua attenzione. Sarebbe stato però un incontro infruttuoso se assieme all’elenco dei problemi non avessimo accompagnato delle proposte. Ora, la criticità sta tutta nel numero insufficiente di Personale, che non può in queste condizioni far fronte a tutte le operazioni tecniche che la nostra Clientela richiede. La nostra proposta, perciò, è di creare un elenco dei soggetti privati riconosciuto dal Ministero delle infrastrutture che operano nel settore automobilistico erogando servizi a contenuto pubblicistico. Se a monte si rientra in questo elenco, significa che a valle si può procedere a eseguire quelle operazioni amministrative che oggi sono validate dagli UMC. Un elenco cioè di soggetti certificatori, come già oggi accade alla nostra categoria per le autentiche sui veicoli o le imbarcazioni. Se vi siano soggetti “terzi” ad evadere queste operazioni, ecco come si possano liberare risorse e competenze professionali del Personale della Motorizzazione stessa, questo è il nostro augurio, e imprimere finalmente un’accelerazione allo svolgimento delle operazioni tecniche».

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Inserisci il tuo nome.

Inserisci la tua mail.

Inserisci il commento.

Loading ...