Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

lunedì 27, settembre 2021

Torna in su

Cima

Torino, le Autoscuole al centro della prossima mobilità

Torino, le Autoscuole al centro della prossima mobilità

| il 26, lug 2021

Primo di una serie di incontri “elettorali” in vista delle elezioni amministrative comunali, la Segreteria provinciale delle Autoscuole Unasca di Torino ha chiamato a raccolta gli Associati piemontesi per un confronto con il candidato a sindaco Paolo Damilano, l’assessore regionale alla sicurezza e mobilità Fabrizio Ricca e l’onorevole Elena Maccanti, capogruppo della Lega in Commissione Trasporti della Camera. Considerazioni finali dal Segretario nazionale Autoscuole Emilio Patella.

Torino ha visto mutare prima e più velocemente di altre grandi città italiane il paesaggio della mobilità e della viabilità negli ultimi due anni, con l’espansione di zone pedonali e ciclabili, e si è popolata di monopattini elettrici. Un mutamento che coinvolge giocoforza i formatori della sicurezza stradale: le Autoscuole. «Abbiamo voluto presentare l’agenda delle autoscuole – riassume Lorenzo Forneris, Segretario provinciale Autoscuole Unasca – perché pensiamo di poter dare da subito un contributo teorico e pratico alla mobilità della città che uscirà dalle prossime amministrative. In secondo luogo, abbiamo sollecitato l’Assessore Ricca a utilizzare la rete capillare delle autoscuole per i progetti di sicurezza stradale, o corsi di formazione professionale, che la Regione vorrà attivare».

Torino, però, è la città italiana con oramai circa 15 mila fogli rosa arretrati. E sebbene i temi istituzionali delle Autoscuole siano quasi interamente rivolti su un piano istituzionale più ampio di quello comunale, a partire dagli organici della Motorizzazione civile, anche Palazzo Civico può avere un ruolo decisivo. «Di proroga in proroga o di zona rossa in zona bianca che si voglia – prosegue Forneris – ci portiamo dietro questa massa enorme di esami arretrati. Abbiamo perciò voluto ribadire al candidato Paolo Damilano il duplice apporto che il comune può avere sull’arretrato esami: l’attenzione dell’opinione pubblica e poi la disponibilità di una quota delle migliaia di persone che resteranno fuori dalle graduatorie del concorso che Torino ha indetto per personale amministrativo del settore Anagrafe. Ormai è prassi della Pubblica amministrazione attingere a graduatorie o altre amministrazioni in base alle necessità. Per 120 posti hanno risposto in 14 mila, bene. Vorremmo veder ribadito l’impegno che ha espresso l’attuale assessore al Bilancio, e cioè che una volta selezionato il personale, si indichi anche la posizione dalla quale si possano scorrere le graduatorie per chi voglia essere abilitato a esaminatore della Motorizzazione».

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Inserisci il tuo nome.

Inserisci la tua mail.

Inserisci il commento.

Loading ...