Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

martedì 20, novembre 2018

Torna in su

Cima

Nessun commento

Unasca sull’incontro con il Vice Ministro Nencini

Unasca sull’incontro con il Vice Ministro Nencini

| il 20, giu 2014

Ad un mese esatto dall’incontro avuto con il Ministro ai Trasporti Maurizio Lupi

Unasca è stata ricevuta anche dal vice Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Riccardo Nencini che ha accolto la delegazione Unasca, guidata dal Presidente Vincenzo Cannatella e composta dai due Segretari Nazionali Ottorino Pignoloni e Emilio Patella e da Antonio Datri, Vice Segretario Autoscuole. L’incontro è stato per entrambi i segretari molto positivo e importante, perchè ancora una volta Unasca ha potuto verificare una coerenza di vedute sia sul tema fortemente sentito dell’archivio unico sia su quello altrettanto importante della formazione dei conducenti. Nel dettaglio così il Segretario Studi Pignoloni commenta l’incontro con Nencini “Abbiamo esposto le nostre ben note tesi sul tema Archivio unico.

Necessario investire in risorse umane nel campo della sicurezza stradale, rafforzando gli organici della Motorizzazione Civile 

Non rimane che attendere sviluppi, essendo questo argomento carico di opinioni e ricco di interessi.  Aver avuto ancora una volta l’attenzione da parte del Governo è già, di per sé, un bel segno”. D’altra parte anche il Segretario Autoscuole Emilio Patella ha affrontato il tema caldo della formazione dei conducenti “Ho sottolineato – dice – la necessità di investire in risorse umane nel campo della sicurezza stradale, rafforzando gli organici della Motorizzazione Civile con personale proveniente da altre amministrazioni, in occasione del riassetto istituzionale e con l’assunzione di giovani (oggi l’età media è avanzata). Questa soluzione darebbe respiro agli UMC oggi in sofferenza, garantirebbe un servizio adeguato all’utenza e permetterebbe di aumentare la qualità degli esami e dei controlli, anche attraverso l’introduzione della scatola nera, in favore di una circolazione più sicura e sostenibile e di una salvaguardia maggiore di operatori che lavorano onestamente”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Inserisci il tuo nome.

Inserisci la tua mail.

Inserisci il commento.

Loading ...