Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

domenica 21, luglio 2019

Torna in su

Cima

Nessun commento

Rc auto: il 5% dei veicoli fermati non è in regola

Rc auto: il 5% dei veicoli fermati non è in regola

La Polstrada effettua una maxi-operazione di controllo in tutta Italia e vengono rilevati dati allarmanti.

Un 5% dei veicoli controllati non risulta regolarmente coperto dall’assicurazione; al sud un 10% viaggia non in regola con tagliando spesso falsificato.

Per mezzo dell’operazione sono state denunciate 10 persone e sequestrati 125 veicoli, ma, la Polizia Stradale, fa sapere che questi numeri potrebbero aumentare perché l’iniziativa continuerà senza sosta in tutte le regioni italiane: controlli in tema di autotrasporto, verifiche del possesso dell’assicurazione obbligatoria, verifiche sulle intestazioni fittizie e su altri delicati temi in materia di sicurezza stradale.

La stradale  ricorda che chi circola con un veicolo privo di assicurazione, oltre ad essere soggetto ad una sanzione amministrativa pecuniaria di importo elevato (da € 841,00 a € 3.366,00), subirà il sequestro del mezzo. Chi circola con documenti assicurativi alterati o contraffatti, invece, è soggetto alla confisca del veicolo. Inoltre, coloro che hanno materialmente contraffatto i documenti, rischiano la sospensione della patente per un anno.

Cna, Confartigianato e Casartigiani hanno lanciato una proposta per il contenimento delle tariffe

Ad influire su questi dati allarmanti sembra sia la crisi economica, che spinge alcuni italiani a trascurare l’assicurazione della propria auto. C’è poi da considerare che in italia le polizze auto hanno subito l’aumento più elevato rispetto alla media europea: negli ultimi dieci anni i prezzi dell’assicurazione sono rincarati del 27,9% a fronte del 13,6% degli altri paesi.

I carrozzieri di Cna, Confartigianato e Casartigiani hanno lanciato una proposta, presentata a nome di 18.672 imprese del settore, per il contenimento delle tariffe. L’obiettivo, hanno spiegato, è “riequilibrare il rapporto tra consumatori, carrozzerie e assicurazioni, oggi fortemente sbilanciato in favore di quest’ultime”. Tra le proposte c’è quella di garantire all’assicurato la libertà di scegliere la carrozzeria per la riparazione, oppure l’obbligo della fatturazione degli interventi o, ancora, che venga conferito il risarcimento totale agli automobilisti.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Inserisci il tuo nome.

Inserisci la tua mail.

Inserisci il commento.

Loading ...