Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

venerdì 19, luglio 2019

Torna in su

Cima

Nessun commento

UNASCA Palermo: la formazione non si sconta

UNASCA Palermo: la formazione non si sconta

| il 27, mar 2019

La formazione non si sconta, UNASCA fa il punto sull’attività imprenditoriale delle Autoscuole e degli Studi di consulenza automobilistica in Sicilia. A partire dalla libera concorrenza, che deve però seguire regole comuni senza puntare alle patenti o ai servizi low-cost che creano dumping sociale, e puntare sulla qualità dell’insegnamento per le Autoscuole o della serietà e rapidità di riposta degli Studi di consulenza anziché su tariffe al ribasso che tolgono dignità tanto all’attività d’impresa quanto ai clienti. Attenzione particolare, infine, sarà dedicata ai progetti di sicurezza stradale cui UNASCA ha dato vita con il progetto “Adotta una scuola”, per diffondere la cultura della sicurezza stradale e della legalità sin dalle scuole di primo grado.

Sono questi i temi principali del convegno dedicato alle “Problematiche sulle attività delle imprese di Autoscuole e Studi di consulenza” che si terrà giovedì 28 marzo, a partire dalle ore 9, presso la “Sala Martorana” del Palazzo dei Comitini (via Maqueda 100, Palermo), con gli interventi di Leoluca Orlando, Sindaco della Città metropolitana di Palermo; Filippo Spallina, dirigente della sezione Attività produttive della Città Metropolitana di Palermo; Emilio Patella, Segretario nazionale Autoscuole UNASCA; Avv. Giuseppa Savarino, Presidente della commissione Mobilità dell’ARS; Daniele Ruisi, Presidente dell’Associazione Imprese del trasporto e della logistica; Lorenzo Ragona, Comandante regionale della Polizia stradale; T.col. Michele Monti, Comandante provinciale dei Carabinieri; Ezio Zammataro, Coordinatore regionale Autoscuole UNASCA; Antonino Fontana, Coordinatore regionale Studi di consulenza UNASCA; Antonio Carollo, Segretario provinciale Studi di consulenza UNASCA.

“Il convegno di giovedì – riassume Valentina Senettone, Segretario provinciale delle Autoscuole UNASCA – ha due obiettivi: anzitutto fare il punto su una situazione di concorrenza sleale che purtroppo riscontriamo sempre più spesso. Prezzi miracolosamente bassi per conseguire le patenti, che però poi, realisticamente, si gonfiano di servizi aggiuntivi, che altro non sono se non obblighi; ad esempio il certificato medico, la prenotazione esame, i diritti della Motorizzazione civile. Ci chiediamo che senso abbia allettare i ragazzi o i genitori con tariffe che poi devono tornare per forza di cose alla realtà. In secondo luogo, puntiamo a rafforzare il dialogo con la Città metropolitana per una diffusione più capillare dei nostri progetti di sicurezza stradale rivolti alle scuole e a una collaborazione tecnica più stretta con le Forze dell’ordine”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked

Inserisci il tuo nome.

Inserisci la tua mail.

Inserisci il commento.

Loading ...